Parliamo di ATC

Cosa sono le ATC?
Molte di voi sanno già di cosa stiamo parlando, ma molte di voi, invece, partono da zero come ho fatto io un paio di anni fa, quindi mi sembra giusto dare una spiegazione.

ARTIST TRADING CARD (abbreviato A.T.C.)

Le ARTIST TRADING CARDS o ATC sono carte collezionabili che hanno due regole fisse, la misura e il fatto che non possono essere vendute, ma solo scambiate.
Sono dei piccoli lavori artistici creati su un cartoncino aventi dimensioni ben precise, 2,5 x 3,5 POLLICI, ossia 6,4 x 8,9 CENTIMETRI, la misura delle figurine sportive americane e delle carte da poker.
In italiano potremmo definirle FIGURINE ARTISTICHE DA SCAMBIARE, ma tutti le conoscono come ATC perché è così che sono universalmente conosciute.
Ci sono ATC fatte completamente a mano, altre create in digitale o fotografiche, ogni tecnica è riconosciuta così come ogni materiale: l'importante è che siano abbastanza resistenti per essere spedite, portate in giro o esposte, e non troppo spesse.
Dietro ad ogni ATC l'artista indica l'autore, il titolo dell'atc, la data in cui viene creata e il numero di serie.
Le ATC uniche sono dette originali; un gruppo di ATC identiche sono dette una edizione e sono numerate; ATC differenti basate su uno stesso tema sono una serie. Sul retro della ATC viene indicato il numero (1/8, 2/8...) se è parte di una edizione. Per proteggerle, le ATC spesso sono trasportate in una bustina trasparente (come quelle usate dai ragazzini per le loro card da gioco) o in appositi album o 'espositori' creati ad hoc. Molti artisti hanno anche una card di "firma" con un autoritratto o logo personale di fronte e un piccolo 'curriculum' sul retro che consegnano insieme ad ogni ATC inviata o scambiata. QUI trovate alcuni esempi.

STORIA DELLE ATC

Un artista svizzero è ritenuto il padre di questa forma di arte. Nel 1996-1997 l’artista Vanci Stirnermann ispirato dalle figurine sportive americane di Hockey organizzò una mostra nella sua galleria a Zurigo con 1200 suoi lavori in miniatura aventi esattamente le dimensioni delle figurine di Hockey. L’ultimo giorno della mostra disse ai visitatori che chi voleva ricevere uno dei suoi lavori avrebbe dovuto crearne una e scambiarla con lui. E di qui nacque questo grande movimento fatto di “figurine artistiche da scambiare” esattamente come avviene con le figurine dei calciatori per noi in Italia, solo che per quanto riguarda le ATc lo scambio avviene anche tra persone che appartengono a continenti diversi.

Qui vi indico alcune gallery dove potete vedere delle vere opere d'arte in miniatura:
The official art-e-zine
Creativelenna
Atc Gallery

Tutto questo per anticiparvi che presto faremo uno swap di atc, continuate a seguirci!!!

Commenti

Mary ha detto…
interessante !!! :-))
è solo un anno che ho iniziato a fare scrap...ho fatto qualche L0, qualche albumino ...tanti fiori...
e desso le cards... la cosa mi interessa , spero di esser all'altezza della situazione:-) quindi ora guardo un pò, grazie a prestoMary
Pamela ha detto…
Ma pensa... non sapevo che il papà delle ATC fosse svizzero come me... E' proprio vero che non si smette mai di imparare!!! Un abbraccio a Silvana ;-)
Ciao ciao, Pam
kattyg ha detto…
Ah ah, Pam! ecco perché ti appassionano così tanto :P

Brava Silvana, bel post! io ho proprio cominciato con le ATC a pastrocchiare :-)
beba ha detto…
Wow che bella notizia, ho proprio voglia di ATC!
chiara_francy ha detto…
mi piace uno swap di atc....
analia cristina ha detto…
La teoria la sto imparando,è stata una spiegazione molto chiara,poi ho guardato uno dei siti che avete datto,una meraviglia!!!Grazie!!
Caterina ha detto…
Grazie mille! Finalmente ho capito cosa sono! Che meraviglia! Proverò!